DGEXPRESS Corriere espresso Lombardia Milano h24
Menu
News

Tutto ciò che ruota intorno al mondo dei trasporti

Veicoli ad alimentazione alternativa: chiarimenti dal Ministero dell'Interno sull'eccedenza di peso

Da In News Il 2019-07-19




Eccedenza di peso e veicoli ad alimentazione alternativa. Il Ministero dell’Interno ha fornito chiarimenti in merito alla richiesta di ANITA sulla corretta interpretazione dei commi 2 bis e 5, art. 167 CdS.

L’artico del CdS si riferisce ai veicoli di massa superiore alle 10 ton e prevede che i veicoli con alimentazione alternativa (metano, elettrica, ibrida, ecc.), possano circolare con una eccedenza del 15% rispetto alla massa indicata nella carta di circolazione, purché tale eccedenza non superi il limite del 5% + 1 tonnellata di detta massa. Ciò in ragione del fatto che tali veicoli risultano più pesanti di quelli ad alimentazione tradizionale.

Il Ministero ritiene che, nel caso di veicoli complessi che hanno massa complessiva a pieno carico superiore alle 10 ton, la tolleranza da applicare nel calcolo del peso debba essere quella di cui al comma 2 bis e cioè il 5% + 1 ton. della massa complessiva a pieno carico del complesso veicolare indicato nella carta di circolazione.

Il Ministero, a titolo esemplificativo, riporta nella circolare il caso di un veicolo complesso con massa complessiva autorizzata pari a 44 ton, che, per effetto di quanto sopra illustrato, può arrivare a un peso massimo di 47,2 tonnellate (44 + 3,2 di tolleranza data dalla somma della tolleranza del 5% + una tonnellata).

Il Ministero conclude la circolare invitando i Compartimenti della Polizia stradale a raccogliere e inviare in tempi brevi eventuali criticità interpretative.



Sorgente notizia: http://www.trasporti-italia.com Vai al post originale


I commenti sono chiusi.