DGEXPRESS Corriere espresso Lombardia Milano h24
Menu
News

Tutto ciò che ruota intorno al mondo dei trasporti

Nikola Motors e Iveco produrranno camion a idrogeno nel 2023

Da In News Il 2019-12-03




Nikola Motors è la prima azienda al mondo che intende produrre camion a batteria e celle di combustibile a idrogeno. Fondata a Phoenix in Arizona nel 2014, è guidata da Trevor Milton, che ha scelto Iveco come partner esclusivo per sviluppare dei camion di questo tipo per il mercato europeo.

Secondo la prima bozza del business plan, nel 2021 verranno venduti dei veicoli con la sola trazione a batteria, autonomia di 500 chilometri, e dal 2023 arriverà la versione con le fuel cell, che aggiungerà ulteriori mille chilometri di autonomia. “Stimiamo che nel 2025 tra l’otto e il dieci per cento del mercato sarà composto da mezzi pesanti a emissioni zero, visto che le nuove regole prevedono un taglio del 20-25% delle emissioni” ha spiegato Gerritt Marx, responsabile dei veicoli speciali di Chn Industrial, dentro cui ricade per ora Iveco.

Per il brand dei camion è infatti previsto lo spin off, ma ciò, ha garantito Hubertus Muhlhauser, ceo di Cnhi, non impatterà sulla partnership con Nikola, che vede tra i protagonisti anche Fpt, la società del gruppo specializzata nello sviluppo dei motori. Il primo mezzo a essere sviluppato sarà il Nikola Tre, che sarà innervato sugli gli Iveco S-Way, oggi il best seller del marchio. La joint venture sarà paritetica e prevede che da questo momento vengano sviluppate l’architettura del mezzo, la catena dei fornitori, tra cui c’è già la Bosch. Il veicolo potrà essere predisposto alla guida autonoma di livello 4 e 5, e avrà un avanzatissimo sistema di infotainment sviluppati dalla Nikola, così come alcune tecnologie legate alla trazione. L’accordo si poggerà sulla rete commerciale Iveco, mentre per quanto attiene alla rete di rifornitori di idrogeno, sono previste 70 stazioni di rifornimento che dovrebbero bastare a coprire l’Europa.

Per fare il pieno basterà un quarto d’ora, massimo 20 minuti, ha spiegato Milton, che per gli Usa ipotizza una rete di 700 distributori.



Sorgente notizia: http://www.trasporti-italia.com Vai al post originale


I commenti sono chiusi.